Olio extravergine di oliva italiano: sicuri che lo sia davvero?

In questo articolo voglio parlarvi dell’olio extravergine di oliva italiano. L’Italia è nota in tutto il mondo per la coltivazione delle olive e per la produzione di olio di eccellente qualità.

Infatti il nostro olio viene orgogliosamente esportato in tutto il mondo. Ma come si fa a riconoscere un buon olio che sia davvero extravergine e prodotto in Italia? È quello che proveremo a spiegare in questo post, quindi sei amante dell’olio made in Italy prosegui la lettura di questo articolo.

Le regioni d’Italia che producono il miglior olio extravergine

L’Italia si classifica come secondo paese al mondo per la produzione dell’extravergine. Le regioni che vantano le produzioni migliori sono:

  • Umbria
  • Toscana
  • Puglia
  • Calabria
  • Sicilia
  • Campagna
  • Lazio
  • Piemonte
  • Friuli Venezia Giulia

Il sud e centro Italia si distinguono nella classifica dei migliori oli extravergine di oliva italiani e ciò è dovuto probabilmente all’insieme di alcuni fattori climatici favorevoli e caratteristiche morfologiche e organolettiche del terreno.

Occhio alla contraffazione

Stai preparando sulla brace il pane bruschettato che verrà condito con olio, tartufo o pomodorini e già assapori il momento dell’antipasto…ma…sicuro che l’olio che stai usando sia davvero un extravergine italiano?

Si fa presto a dire olio 100% extravergine italiano ma in realtà sono molti i casi di contraffazione. Ad esempio nel 2019 si è scoperto che tonnellate di olio spacciato per extravergine italiano in realtà era adulterato con clorofilla.

Olio davvero italiano?

Il fatto che un olio venga proposto come Italiano anche sulle etichette, non significa che lo sia realmente. Come riconoscere quindi dall’etichetta se un olio è davvero al 100% made in Italy?

La prossima volta che vai al supermercato leggi bene l’etichetta. Se sull’etichetta viene riportata la dicitura “prodotto con miscela di oli dell’Unione Europea” è evidente che di Italiano ci sia ben poco.

Ma come? Il marchio dell’etichetta è italiano!

Si il marchio magari lo è,  ma se leggi bene l’etichetta ti accorgerai che dietro ai “marchi italiani” spesso si nascondono proprietari stranieri. Il fatto che l’olio sia imbottigliato in Italia non significa che sia al 100% italiano. Spesso l’olio in bottiglia venduto nei supermercati non lo è ma viene miscelato con oli provenienti da altri paesi dell’Unione Europea.

Diffida anche dei prezzi eccessivamente bassi dell’olio che compri al supermercato o nei discount.

Dove comprare olio extravergine 100% italiano

Il modo migliore per comprare un olio extravergine di oliva italiano è acquistarlo direttamente presso i produttori agricoli. Chi vive nelle regioni menzionate sopra ha la possibilità di contattare direttamente i produttori di olio che magari si trovano anche nelle vicinanze.

Grazie ad internet molti produttori si sono anche organizzati per la vendita online del proprio olio. Molti di questi sono agricoltori anche premiati da vari enti nazionali per le eccellenze italiane quindi l’olio è garantito extravergine, DOP e al 100% italiano

Le caratteristiche

Ci sono diverse caratteristiche che possono aiutare a capire la bontà di un olio di oliva extravergine italiano, eccone alcune:

  • amaro
  • piccante
  • alto contenuto di polifenoli
  • basso contenuto di perossidi
  • bassa acidità
  • estratto a freddo
  • marchiato DOP
  • Fruttato

Sarebbe interessante entrare nel dettaglio di ognuna ma mi soffermo sull’ultima che trovo molto interessante; il fruttato. Cosa significa?

Il valore del fruttato deve essere superiore a 0 per essere classificato come olio extravergine di oliva. Sull’etichetta ci deve essere la valutazione sensoriale di fruttato. Cosa significa? A seconda del tipo o varietà di oliva la sensazione di fruttato.

Gli esperti sono in grado di riconoscere dal sapore e dall’odore la sensazione di fruttato che può ricordare quello del pomodoro, dell’erba, dei frutti verdi, dei carciofi…etc.

I non esperti come la maggioranza di noi non è in grado di percepire queste sensazioni organolettiche ma leggendo le etichette potrà capire quale sensazione trasmette quel tipo di olio.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi