LA DANZA E IL MITO EBRAICO DEL GOLEM: VENERDÌ AL CENTRO SOCIALE DI SALERNO CON LA COMPAGNIA CONTART

SABATO DOPPIETTA TERSICOREA CON “LA TEORIA DELLO SCIAME INTELLIGENTE” DI GABRIELLA STAZIO E “MANI-ERE” DI LUCA CALZOLARO

 

Salerno. Ancora una volta la danza riprende il filo della storia e delle tradizioni per tradurle in arte. E così venerdì (29 novembre 2019), alle ore 10.30, sul palco del Centro Sociale di Salerno la compagnia Contart, nell’ambito della rassegna Incontri”, porta in scena uno spettacolo dedicato alla mitologia, dal titolo “Golem”. La coreografa Erika Silgoner, affascinata da questa figura antropomorfa, rivisita il mito ebraico del “Golem”- da cui lo spettacolo prende il titolo – per indagare i limiti esistenziali dell’uomo contemporaneo e le complesse leggi che regolano la vita. La parola “golem” appare all’interno delle Sacre Scritture e significa “forma leggera”, mate-riale “crudo”. È l’essere umano non finito di fronte agli occhi di Dio, è Adamo. Nell’ebraico moderno prende invece il significato di “muto” o “indifeso”. Esiste una leggenda ebraica che narra di un gigante plasmato in creta, privo di verbo ed anima, ma incredibilmente forte e resistente, creato al fine di servire e proteggere il suo creatore ed il popolo di Israele. Sul palco a danzare Noemi Dalla Vecchia, Gloria Ferrari e Francesca Bedin.

Sabato 30 novembre c’è il quattordicesimo appuntamento in cartellone con una doppietta: al Centro Sociale di Salerno la serata, alle ore 21, si apre con la coreografia di Gabriella Stazio, “La teoria dello sciame intelligente”, i concept compositivi di base della coreografia si rifanno alla teoria dello Swarm Intelligence, ovvero alle intuizioni biologiche sulle incredibili capacità di risolvere problemi complessi grazie ad una organizzazione senza organizzatore di insetti sociali, stormi di uccelli, banchi di pesci; successivamente va in scena “Mani-ere”, Gèranos Orchestra Dance Company” e la coreografia di Luca Calzolaro, che nasce dall’intento di mostrare attraverso la simbologia delle mani, le varie fasi di crescita dell’individuo all’interno della società.

La rassegna si chiude il 6 dicembre (ore 10.30) al Cine Teatro “Totò” di Sassano (Sa) con la compagnia Ex Orto in “Il Brutto anatroccolo” per la sezione “Kids”. Lo spettacolo di parola, danza e musica liberamente tratto dalla favola di Hans Christian Andersen porta la firma del coreografo da Piero Leccese.

La rassegna Incontri è realizzata in collaborazione con Raid-Rassegna Interregionale di Danza di Claudio Malangone, Salerno Solidale e Bimed e con il patrocinio del Comune di Salerno, del Comune di Pellezzano, del Comune di Vallo della Lucania, del Comune di Sassano e della Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana.  La rassegna è tra i progetti italiani ad aver ottenuto l’importante riconoscimento del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. La direzione artistica è di Antonella Iannone.

attori nel teatroteatro attori

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi