Salernitana: Bollini dirige l’orchestra. La sinfonia è vincente

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +
Salernitana la rete di Bocalon

Salernitana la rete di Bocalon

La Salernitana è formata da un gruppo solido, unito, determinato. Il coraggio e la forza d’animo non mancano a questi calciatori che quasi sempre riescono a rimontare lo svantaggio gettando il cuore oltre l’ostacolo, pur nelle difficoltà.

Oggi, all’Arechi, la partita sembrava stregata. Doppio infortunio per i due centrali difensivi Bernardini e Schiavi. Dopo un po’ il vantaggio dell’Empoli. Tre duri colpi che avrebbero potuto stendere qualsiasi squadra, ma non la Salernitana.

Proprio questi due infortuni, paradossalmente, hanno aperto la strada verso la vittoria per i granata. L’inserimento di due esterni a centrocampo capaci di offendere e difendere quali Gatto e Alex ha consentito alla Salernitana di essere propositiva, capace di attaccare l’avversario sia centralmente che lateralmente.

Probabilmente se in campo, sulle due fasce, fossero rimasti Pucino a destra e Vitale a sinistra, il pallino del gioco sarebbe stato gestito con prevalenza dall’Empoli a causa del baricentro troppo basso della Salernitana e del conseguente atteggiamento attendistico che già in altre circostanze è apparso poco congeniale alle caratteristiche della squadra granata.

Salernitana Empoli una fase di gioco

Salernitana Empoli una fase di gioco

Sotto di una rete, la Salernitana ha reagito con veemenza e determinazione, anche grazie alle sostituzioni operate da Bollini, costruendo gioco offensivo sia centralmente che sulle fasce e riuscendo a mantenere il giusto equilibrio nelle due fasi di gioco.

In cinque minuti la squadra granata ha siglato due reti, grazie ad una doppietta di Bocalon, che ha dimostrato di essere un uomo gol molto efficace. Per due volte lo speaker dell’Arechi ha invitato i tifosi a festeggiare con il suono del campanello … Din Don … ha segnato Bocalon!!!

Lo stadio Arechi è diventato una bolgia. Tifo ed entusiasmo alle stelle. Squadra, allenatore e tifoseria sono sembrati in simbiosi. La capolista Empoli ha tentato in tutti i modi di riagguantare almeno il pareggio, senza riuscirci.

L’attacco più forte del campionato ha fatto cilecca contro una difesa di emergenza. Agli indisponibili Tuia e Perico si sono aggiunti gli infortunati Bernardini e Schiavi. Bollini ha fatto le scelte giuste per sostituirli, spostando Pucino e Vitale nella difesa a tre con Mantovani centrale.

Salernitana Rossi in azione offensiva

Salernitana Rossi in azione offensiva

L’attacco granata composto dalla coppia Rossi – Bocalon, invece, ha funzionato alla grande. I due attaccanti si integrano alla perfezione per caratteristiche tecniche ed atletiche. La difesa dell’Empoli ha dovuto fare gli straordinari per contenerli, riuscendoci solo in parte.

Il centrocampo a 5 schierato da Bollini, con Minala, Signorelli e Ricci centrali, Gatto e Alex esterni, è stato una piacevole sorpresa. Minala gigante insuperabile, Signorelli e Ricci con spirito di sacrificio hanno assicurato quantità e qualità.

I due esterni, Gatto e Alex, subentrati ai due difensori infortunati, hanno svariato sulle fasce rendendosi preziosi in entrambe le fasi di gioco e mettendo spesso in difficoltà il reparto arretrato avversario.

Unico neo della giornata, il dato numerico non entusiasmante dei tifosi sugli spalti. Per una Salernitana di alta classifica è lecito aspettarsi molte presenze in più rispetto alle 9.270 unità. Lotito, in tal senso, è stato molto laconico nelle sue dichiarazioni post partita. La società si aspetta di più dalla Città di Salerno.

L’allenatore granata, nel post partita ha detto che la vittoria di oggi è del gruppo che è riuscito a far emozionare il pubblico dell’Arechi con determinazione e caparbia. Il tecnico ha aggiunto che bisogna guardare avanti con ottimismo ed intanto godersi il momento positivo e la parte sinistra della classifica.

Salernitana il cross vincente di Alex

Salernitana il cross vincente di Alex

“Salerno è una piazza esigente, ma noi sappiamo di aver allestito un organico di qualità. Oggi tutta la squadra ha fatto bene e ha portato a casa una vittoria meritata”. Questo il pensiero espresso dal Patron Claudio Lotito nel post-partita di Salernitana – Empoli. Il Presidente ha quindi concluso: “Tutti sono nella condizione di dare il massimo. Adesso dovremo affrontare partita dopo partita, cercando di ottenere sempre il massimo. Se ci crediamo potremo toglierci grosse soddisfazioni”.

Nel prossimo turno i granata giocheranno ancora in casa contro un’altra big del campionato, il Bari. Bollini ha una settimana di tempo per recuperare qualche infortunato, soprattutto nel reparto difensivo, e per canalizzare sui giusti binari l’entusiasmo che si è creato a Salerno dopo queste due ultime vittorie che hanno lanciato la squadra a ridosso delle prime.

Con la piena disponibilità di Sprocati e Rodríguez, il tecnico dovrà gestire al meglio l’abbondanza di attaccanti, tutti forti e meritevoli di conferma. La coppia Bocalon – Rossi oggi ha impressionato molto positivamente tifosi ed addetti ai lavori. Il compito non sarà facile, ma per Bollini è preferibile avere più scelte a disposizione sia dall’inizio, sia a gara in corso.

Da migliorare la fase di non possesso sia in mediana che sulle fasce. Il lavoro per Bollini non manca.

Salernitana Gatto in azione sulla fascia

Salernitana Gatto in azione sulla fascia

Salernitana – Empoli 2 – 1

Reti: 30’ pt Pasqual (E); 34’ pt, 36’ pt Bocalon

Salernitana: Radunovic, Pucino, Vitale, Bernardini (10’ pt Alex), Mantovani, Signorelli, Minala, Schiavi (20’ pt Gatto), Bocalon, Ricci (37’ st Odjer), Rossi. All. Alberto Bollini

A disposizione: Adamonis, Zito, Rosina, Iliadis, Della Rocca, Rizzo, Di Roberto, Asmah, Cicerelli.

Empoli: Provedel, Veseli, Krunic, Bennacer, Caputo, Luperto, Castagnetti, Pasqual (21’ st Zajc), Romagnoli (32’ st Jakupovic), Ninkovic (15’ st Piu), Di Lorenzo. All. Vincenzo Vivarini

A disposizione: Terracciano, Giacomel, Simic, Seck, Traore, Polvani, Lollo, Zappella, Untersee.

Arbitro: Daniele Martinelli di Roma 2.

Assistenti: Stefano Bellutti (sez. Trento) – Giovanni Colella (sez. Crotone)
IV uomo: Nicola De Tullio (sez. Bari)

Ammoniti: Alex (S), Ricci (S) – Krunic (E)
Angoli: 6 – 6
Recupero: 3’ pt, 3’ st
Spettatori: 9270

Share.

About Author

Leave A Reply