Salernitana, altri importanti acquisti last minute. Ora vediamola sul campo

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +
Salernitana i calciatori nel prepartita

Salernitana i calciatori nel prepartita

Gli ultimi acquisti della Salernitana in sede di calciomercato vanno a rinforzare e completare ulteriormente un organico già competitivo. Nell’ordine sono arrivati: Alessandro Rossi, attaccante centrale classe ’97 dalla Lazio; Nunzio Di Roberto, esterno d’attacco classe ’85 dal Crotone; Sofian Kiyine, centrocampista classe 97 e Alejandro Rodríguez, attaccante centrale classe 91, entrambi in prestito dal Chievo.

Calciatori importanti e che sono venuti a Salerno denotando molto entusiasmo. In particolare il talentuoso Di Roberto, dopo anni di militanza anche in massima serie, ha definito Salerno come sua prima scelta.

Da registrare i movimenti in uscita dell’attaccante portoghese Roberto, non ritenuto all’altezza, forse troppo frettolosamente visto che non ha avuto grandi occasioni per dimostrare il suo valore, ceduto in prestito alla squadra portoghese dell’Arouca, di Joao Silva con risoluzione consensuale del contratto e di Adejo, difensore centrale che stranamente, ad un mese e mezzo di distanza dall’acquisto e dal contratto, è stato scaricato da società e staff tecnico tanto da indurlo alla rescissione consensuale, probabilmente per fare spazio al redivivo Schiavi che frattanto è venuto incontro alla società spalmando il contratto su più anni, palesando intenzioni di riscatto in casacca granata.

Rimangono a Salerno, per ora, Della Rocca e Zito, che sembravano in partenza stando alle intenzioni societarie. Per il primo ha influito il parere dell’allenatore Bollini che ha riferito alla società di ritenerlo un tassello importante per il centrocampo.

Salernitana - Bollini e Mezzaroma

Salernitana – Bollini e Mezzaroma

Il centrocampista napoletano, invece, anche a causa dello stipendio piuttosto elevato sembra che non abbia trovato acquirenti. Conoscendo il suo valore e l’attaccamento ai colori granata la sua permanenza a Salerno potrebbe essere un fatto positivo.

Rimangono sospese nel limbo le posizioni di Cicerelli, giovane e talentuosa ala proveniente dalla Paganese e del centrocampista del Perugia Rizzo, coi quali la società ha raggiunto l’accordo e sembra aver sottoscritto il contratto per entrambi, senza però depositarli. Probabilmente anche per questi due calciatori la decisione passerà per Bollini.

Attualmente in rosa ci sono 28 calciatori con ancora tre caselle vuote per gli over 23enni.

In ogni caso, l’organico della squadra è più che competitivo in ogni reparto. Forse in attacco c’è anche affollamento: tre punte centrali Bocalon, Rodríguez e Rossi e ben sette esterni, Di Roberto, Rosina, Gatto, Sprocati, Alex, Orlando (che sarà disponibile da gennaio) e Kadi.

A centrocampo si contenderanno i posti da titolare Minala, Odjer, Signorelli, Ricci, Della Rocca, Zito ed il giovane Kiyine. Probabilmente Bollini sta pensando di provare a centrocampo, sulla fascia, anche Kadi.

Il reparto difensivo è solido con Tuia, Bernardini, Mantovani e Schiavi, difensori centrali, Perico, Pucino, Vitale e Asmah, esterni.

Salernitana - allenatore Bollini

Salernitana – allenatore Bollini

Tra i pali tre giovani talenti stranieri di valore, Radunovic, Adamonis e Iliadis.

Rispetto agli anni scorsi la rosa appare più completa e competitiva fin dall’inizio del campionato. Dopo il buon pareggio all’esordio con il Venezia in trasferta, lunedì prossimo, con inizio alle 20.30, la Salernitana è chiamata a dimostrare tutto il suo valore nell’esordio casalingo contro la Ternana.

La parola passa ora al campo, giudice unico della qualità dei calciatori e della competenza dell’allenatore. La società ha fatto ciò che doveva fare. I tifosi salernitani quest’anno hanno poco da recriminare. La squadra è ben allestita, col giusto mix di giovani ed esperti, completa in ogni reparto. Non può esserci alcun alibi per i protagonisti sul rettangolo di gioco e in panchina.

Bollini ha già dimostrato di essere un allenatore capace e duttile sia nella gestione tattica, sia dello spogliatoio. A lui spetta il compito più importante, mettere la squadra nelle condizioni di dare il meglio in base all’organico a disposizione ed alle caratteristiche tecniche dei singoli.

Share.

About Author

Leave A Reply