La Salernitana batte l’Alessandria e si qualifica al terzo turno della Tim Cup

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +
Salernitana Alessandria - Iocolano inseguito da Mantovani

Salernitana Alessandria – Iocolano inseguito da Mantovani

Salernitana – Alessandria 2-1. Vittoria sofferta per la Salernitana contro un avversario molto valido pur essendo di una categoria inferiore. L’Alessandria, schierata con un 4-4-2 molto duttile, per larghi tratti del match, ha sciorinato trame di gioco apprezzabili mettendo in difficoltà la pur solida retroguardia della Salernitana, impossessandosi del centrocampo e sfruttando appieno le fasce.

La squadra granata, allenata da Bollini, scesa in campo col 4-3-3, ha denotato non poche difficoltà in fase d’impostazione della manovra, perdendo il duello a centrocampo con gli avversari, anche a causa dell’inferiorità numerica nel reparto, e non riuscendo a dare respiro al gioco sulle fasce.

I due esterni alti, Rosina e Sprocati, in fase di non possesso hanno coadiuvato poco i compagni di squadra. Analogamente i due esterni bassi, Pucino e soprattutto Manotvani, hanno spinto poco e male sulle fasce di rispettiva competenza in fase offensiva.

Per Signorelli, quindi, schierato nel primo tempo da regista, non c’è stata la possibilità di effettuare lanci illuminanti sulle corsie esterne.

Salernitana Alessandria - Azione di Bocalon

Salernitana Alessandria – Azione di Bocalon

Il calciatore, inoltre, è sembrato in difficoltà nel centrocampo a tre anche a causa di un probabile ritardo di condizione atletica. Di conseguenza la squadra si è affidata fin troppo ai lanci lunghi dalle retrovie.

Gli esterni offensivi solo in poche circostanze sono riusciti a saltare l’uomo nell’uno contro uno, non creando quasi ma superiorità numerica.

Note positive, invece, da Bocalon che ha trovato subito la via del gol al 18° su assist di testa di Bernardini a seguito di un calcio d’angolo. L’attaccante veneto ha dimostrato di avere fiuto del gol, ma non solo.

Lungo l’intero arco del match ha dato dimostrazione di avere buone qualità tecniche e di saper dare un valido contributo alla manovra offensiva. Un punto di riferimento avanzato di sicuro affidamento. Ottimo acquisto.

Discreta la prestazione di Ricci a centrocampo, soprattutto nel secondo tempo quando, dopo l’uscita dal terreno di gioco di Signorelli, è stato schierato in posizione centrale.

Salernitana Alessandria - Azione di Rosina

Salernitana Alessandria – Azione di Rosina

Seconda frazione di gioco più pimpante anche per Rosina che da calciatore esperto quale è, e probabilmente su imbeccata di Bollini nell’intervallo, ha capito che bisognava osare di più con dribbling e giocate in velocità. Suo l’assist a 7 minuti dal termine del match per Sprocati che ha siglato la rete del 2-1.

Nella ripresa anche Zito, subentrato all’affaticato Signorelli, è riuscito con alcune azioni personali a dare vivacità al gioco offensivo della Salernitana.

Abbastanza solido il reparto difensivo che ha palesato poche sbavature, riuscendo a contrastare gli sguscianti avversari. Sestu e Iocolano, in particolare, li hanno messi sovente in difficoltà con le loro giocate ed i tagli offensivi.

Adamonis, tra i pali, ha compiuto un paio di ottimi interventi, ma ha non poche responsabilità sulla rete di Marconi al 36° del primo tempo, avendo preso gol sul primo palo.

C’è ancora molto da lavorare per Bollini per migliorare sia l’aspetto tattico, sia quello atletico. Appare evidente, inoltre, che al momento attuale l’organico non è ancora completo.

Salernitana Alessandria - la rete di Bocalon

Salernitana Alessandria – la rete di Bocalon

Ieri, ad esempio, in panchina c’era un solo centrocampista, Zito. Quale esterno sinistro basso, inoltre, si è dovuto adattare un difensore centrale, Mantovani per mancanza di alternative più valide in quel ruolo.

Bollini ha affermato, al termine del match, che ci vuole ancora qualcosa in attacco, in quanto i due portoghesi, Roberto e Alex sono ancora in fase di valutazione ed il solo Bocalon non basterebbe per affrontare un campionato così lungo ed estenuante quale è quello della Serie B.

Il tecnico granata, inoltre, ha chiesto alla squadra maggiore personalità, avendo notato che in alcuni tratti della gara il gruppo si è un po’ lasciato andare di fronte alle prime difficoltà.

Già dal prossimo match di Tim Cup con il Carpi, il 12 agosto, c’è da attendersi un ulteriore miglioramento sia tatticamente, sia atleticamente.

Il recupero di alcuni infortunati, il lavoro certosino dell’allenatore e, si spera, qualche nuovo importante arrivo, dovrebbero consentire alla Salernitana di raggiungere una condizione ottimale per l’inizio del campionato cadetto.

Salernitana Alessandria - La rete di Sprocati

Salernitana Alessandria – La rete di Sprocati

Settemila spettatori sugli spalti e potevano essere di più. Diverse centinaia di tifosi, infatti, a causa della disorganizzazione dei botteghini, all’inizio del secondo tempo erano ancora in fila per ottenere il ticket, e in molti hanno rinunciato. Imperdonabile questa defaillance per la società granata.

Così come è imperdonabile l’incuria dimostrata da società e, soprattutto, Amministrazione Comunale, nella gestione del manto erboso dello stadio Arechi che ieri sera, a distanza di tempo dal famigerato concerto di Tiziano Ferro, era in uno stato pietoso assomigliando più a un terreno da adibire a coltivazione di ortaggi. Salerno ed i salernitani non meritano questo scempio.

Speriamo che i due soggetti coinvolti si attivino per risolvere tale problematica, altrimenti la condizione disastrosa del terreno di gioco creerà non poche difficoltà alla costruzione del gioco per la Salernitana che nelle partite casalinghe dovrà necessariamente provare a vincere attraverso manovre offensive efficaci.

TIM CUP – SECONDO TURNO ELIMINATORIO

Salernitana – Alessandria 2 – 1

Reti: 18′ pt Bocalon (S), 36′ pt Marconi (A), 38′ st Sprocati (S).

Salernitana: Adamonis (5,5), Pucino (5,5), Bernardini (6,5), Mantovani (5,5), Signorelli (5,5) (16′ st Zito (6)), Rosina (6), Tuia (6), Odjer (5,5), Bocalon (7), Ricci (6), Sprocati (6) (46′ st Alex). All.: A. Bollini.

A disposizione: Iliadis, Roberto, Adejo, Schiavi, Perico.

Alessandria: Agazzi, Pastore (28′ st Celjak), Cazzola (41′ st Ranieri), Sestu (40′ st Nicco), Marconi, Iocolano, Fischnaller, Fissore, Gozzi, Branca, Casasola. All.: C. Stellini.

A disposizione: Pop, Sciacca, Piccolo, Gjura, Marras, Sosa, Gazzi, Rossetti.

Arbitro: Lorenzo Illuzzi di Molfetta.
Assistenti: Francesco Fiore (sez. Barletta) – Luigi La Notte (sez. Barletta).
IV Uomo: Matteo Proietti (sez. Terni).

Ammoniti: Mantovani, Bocalon (S), Iocolano, Fissore, Cazzola (A).

Angoli: 8 – 2

Recupero: 2′ pt, 4′ st.

Spettatori: 7100.

 

Share.

About Author

Leave A Reply