Sagra della Soppressata braciglianese e sagra del Convento a Bracigliano

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +
sagra del convento a Bracigliano

sagra del convento a Bracigliano

Antiche ricette tra tradizione e innovazione, rivivono in una ricca proposta di sapori unici e inconfondibili. Ieri, 10 agosto, la comunità  di “Casale” nel comune di Bracigliano (SA), ha dato vita ad un evento tanto atteso: la “Sagra della Soppressata Braciglianese“, protagonista indiscusso il “maiale”.

Fino al 14 agosto, la piazza “Cinque Maggio” sarà  addobbataa festa per il rituale confronto tra i partecipanti, animati dal desiderio di diffondere gioia e attraverso la propria tradizione culinaria.

Una iniziativa voluta dall’Associazione Amici Braciglianesi, con la viva e spontanea collaborazione dell’intera dipersone di qualsiasi età e ceto sociale, unite da un unico obiettivo: ricavare fondi per le attività di restauro e ricostruzione della Chiesa della “SS. Annunziata” e di rinnovare i valori della propria identità storica e culturale.

L’evento è fortemente teso a recuperare tracce e testimonianze di un recente passato (di una realtà pre-globalizzata) quandoa prevalere era il culto della tipicità espressa attraverso metodi culinari e ricettari che da sempre caratterizzano il Popolo di Casale. La sagra, pertanto, rappresenta un punto di arrivo di un lavoro iniziato già in autunno sia con l’allevamento dei maiali, che con la coltivazione di ortaggi locali. Un impegno che arriva oggi sui tavoli appositamente allestiti per la degustazione di un ricco ventaglio di proposte gastronomiche tra cui il piatto Casale “mix di salumi”,la pasta e fagioli con “l’ardo di maiale e cotenna”, rigorosamente accompagnato da vini locali, prevedendo anche un ricco dessert.

L’atmosfera, inoltre, sarà deliziata da un sottofondo musicale che renderà lo scenario ancora più ricco di emozioni. Bracigliano, di origini Etrusca risalente al IV a.C., conserva la sua identità attraverso la sua “cucina”, esempio da diffondere. Ed è per questo che qui si susseguono le sagre dedicate alla cucina come quella del “Mallone” che ha aperto la stagione e che si è svolta dal 3 al 6 agosto.

Un “piatto”  quello del mallone fatto di un misto di erbe di montagna e di cime di rape, mescolato con patate sbollentate e schiacciate, peperoncino e olio d’oliva di Bracigliano, da sempre piatto preferito al pranzo della domenica da contadini e aristocratici, colti e meno colti, intellettuali locali o di passaggio. Un trionfo per l’oratorio San Giovanni Bosco che ha visto posizionare questa ricetta tra le eccellenze indiscusse nel panorama dei piatti poveri della nostra cucina. Grazie, quindi, al lavoro della località di “Tuoro” che ha consentito così di raccogliere fondi per la parrocchia di “San Giovanni Battista”.

Ma l’estate 2017 per i Braciglianesi ha avuto già un inizio brillante.

In primo luogo, va ricordata la medaglia d’argento alla 65 edizione del Conseil internation du sport militare, Ecuador 2017, vinta per lo swimming da Davide Riccio, promessa dello sport italiano. Poi, nel mondo della Musica, da sempre pilastro di formazione della nostra Comunità, Aldo Botta, conseguito il diploma al Conservatorio, a soli 22 anni è il più giovane dei docenti di ruolo, record nel panorama dell’istruzione secondaria.

L’amministrazione con il rinnovo delle ultime elezioni, 12 giugno 2017, del Sindaco Antonio Rescigno, può ritenersi soddisfatto del successo dei Braciglianesi che da anni nel mondo si sono sempre contraddistinti.

Tornando al mondo culinario, a chiudere l’estate sarà  la “Sagra del Convento“, grande successo negli anni passati dettato dall’impegno di tutta la comunità  di Bracigliano, e in primo luogo dell’Associazione del Campanile che ha fatto della ricetta della “polpetta del monaco” una attrazione Campana,  rivisitata da un cuoco e una passionata della cucina del paese.

Da 18 al 22 agosto nello straordinario scenario dei giardini del Convento, si potranno  degustare piatti di diverso tipo fatti di amore e fantasia. Sotto il cielo stellato ai piedi del “Santo Francesco” con  musica e balli sarà piacevole trascorre ore in compagnia del buon umore e della buona cucina locale.

Avvenimenti quelli delle “Sagre” che sono di stampo esclusivo che  regalano ai presenti la sensazione di entrare nel mondo fatato delle montagne dell’alto Campano.

Per raggiungere la comunità, si può accedere dalla Provinciale di Mercato San Severino (SA), Castel San Giorgio (Sa), Sarno(SA) e da i tratti montuosi dell’Avellinese(AV) dove troverete parcheggi gratuiti con servizio di navetta che vi condurranno alle destinazioni disegnate. La Campania, è  una regione straordinaria, scoprirla attraverso la tradizione culinaria nelle sue piccole cittadine come Bracigliano (SA), è un modo ricco e strepitoso di ritornare al valore della condivisione come rafforzamento della conoscenza dei nostri vicini, apportando scambi e confronti tra le parti, creando una rete professionale capace di distribuire le particolarità paesaggistiche.

Con tutta la cittadinanza Vi attendiamo  numerosi con golfino e tanta fame.

Anna Ferry-Ferrentino

Share.

About Author

Leave A Reply