Per la prima volta al festival Agerola Sui sentieri degli Dei Anna Mazzamauro

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +
Anna Mazzamauro

Anna Mazzamauro

Domenica 16 luglio – Nuda e cruda – di ANNA MAZZAMAURO – musiche originali di AMEDEO MINGHI – regia LIVIO GALASSI – pianoforte e chitarra SASÀ CALABRESE – costumi GRAZIELLA PERA – produzione Stefano Mascagni in collaborazione con A.C.T.I. Teatri Indipendenti – Bomerano – PALAZZO ACAMPORA – ore 21.00.

Domenica 16 luglio arriva per la prima volta al festival Agerola Sui sentieri degli Dei Anna Mazzamauro, signora del cinema e del teatro, che presenta Nuda e cruda, testo da lei scritto con musiche originali di Amedeo Minghi eseguite al pianoforte e chitarra da Sasà Calabrese, regia di Livio Galassi. Uno spettacolo sagace e liberatorio, insolente e mite, comico e impegnato al tempo stesso. Un vero e proprio cavallo di battaglia per l’attrice, quasi un riepilogo – non privo di riferimenti autobiografici – di una luminosa e variegata carriera.

Senza filtri Anna Mazzamauro esorta il pubblico a spogliarsi dei ricordi cattivi, degli amori sbagliati, dei tabù del sesso, a liberarsi dalla paura della vecchiaia, ad esibire la propria diversità attraverso risate purificatrici. Racconta di sé, della vita e degli esordi cinematografici; interpreta personaggi, canta e accenna qualche passo di danza. Quasi una confessione pubblica, in cui la protagonista si spoglia dei suoi complessi, butta via la maschera, si prende in giro con autoironia.

Lo spettacolo non mancherà di momenti intensi con il personaggio della massaia a cui hanno ucciso la figlia (dedicato alla madre di Melania Rea), quello della devota che prega Maria e con il bellissimo episodio di una Magnani abbandonata che, in una scena notturna e casalinga, tenta di riconquistare al telefono il cuore ormai lontano di Roberto Rossellini.

INFO e BIGLIETTI

Ore  21.00 – Ingresso Palazzo Acampora  € 10,00

Pro Loco di Agerola, p.zza Paolo Capasso – 081.8791064 – info@proagerola.itwww.proagerola.it

Share.

About Author

Leave A Reply