Associazione Giorgio Ambrosoli promotrice della intitolazione di Via Giuseppe Grimaldi

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +
Associazione Giorgio Ambrosoli - Il Presidente Rafffaele Battista

Associazione Giorgio Ambrosoli – Il Presidente Rafffaele Battista

Voluta dall’Amministrazione comunale di Giffoni sei Casali, su sollecitazione dell’Associazione “Giorgio Ambrosoli-Salerno”, sabato 30 settembre 2017, alle ore 16:30, al casale Prepezzano, in Lungofiume località Ramiera, si terrà la cerimonia d’intitolazione di “Via Giuseppe Grimaldi (1930–1981), Medaglia d’Oro al valor civile”.

Sabato 30 settembre 2017, alle ore 16:30, al casale Prepezzano di Giffoni Sei Casali, in Lungofiume località Ramiera, si terrà la cerimonia d’intitolazione di “Via Giuseppe Grimaldi (1930–1981), Medaglia d’Oro al valor civile”.

Il Comune di Giffoni Sei Casali, difatti, su invito dell’Associazione Giorgio Ambrosoli Salerno, ha deliberato prontamente,  con atto di Giunta Comunale n. 22 del 2 marzo 2017, l’intitolazione di una strada in favore di Giuseppe (Pino) Grimaldi,  Segretario particolare dell’Avv. Leopoldo (Dino) Grassani, con il quale condivise sia la coraggiosa tempra che il barbaro assassinio da parte della criminalità organizzata, il 27 marzo del 1981 e con questi è stato insignito della Medaglia d’Oro al valor civile in data 26.5.2009 da parte del Presidente Giorgio Napolitano,” Per aver pagato con il proprio olocausto la dedizione alla Toga ed alla Legge”.

-“Chi per la gloria muor/Vissuto è assai/La fronda dell’allor/Non langue mai”- fece cantare nella sua opera, dal coro presente nella nona scena del primo atto, nella “Caritea, regina di Spagna” (ossia La morte di Don Alfonso re di Portogallo) il compositore Saverio Mercadante e a queste parole fecero fede i fratelli Bandiera, fedeli Mazziniani che, mutandole in “Chi per la patria muor/Vissuto è assai”, le ritennero le più opportune per chiudere le loro vite.

In questi tempi dove “L’Italia è fatta”, ma si cerca di distruggerne gli ideali più profondi, è giusto che alla manifestazione partecipi, oltre ad un vasto pubblico di cittadini, sia per invito personale che per essere presenti all’evento, per il Comune di Giffoni Sei Casali,  Il sindaco Francesco Munno e per per l’Ass. Giorgio Ambrosoli Salerno, il presidente Dott. Raffaele Battista, e che entrambi prendano la parola a ricordo (Per informazioni:  Ufficio segreteria del sindaco;  Ufficio Segreteria segreteria@comune.giffoniseicasali.sa.it e Segretario dell’Associazione Giorgio Ambrosoli, A v v .  P a s q u a l e  D’A i u t o, Via R. De Martino n. 7, 84124 Salerno; Tel. e fax 089.22.21.51 – 347.69.00.518 pasqualedaiuto@hotmail.com)

Pino Grimaldi è un eroe; ucciso mediante una vera e propria esecuzione con un colpo solo alla fronte. Uno di quegli eroi che più di quanti, per ragioni di belligeranza, si trovano a morire su un fronte di guerra, ebbe il presentimento di quanto gli sarebbe accaduto ma non indietreggiò. Fu udito ripetere spesso: «Io morirò con l’avvocato Gassani».

Avrebbe, come il suo amico, potuto tirarsi indietro,provarsi a convincere l’avvocato  a rinunciare al lavoro che lo vedeva coinvolto in merito al rapimento di due imprenditori Campani, per questioni legate alla testimonianza di un cliente. In precedenza, difatti, erano state prodotte contro l’avvocato Gassani, diverse minacce di morte da parte della camorra, ma questi non volle retrocedere in forza della paura e così vennero barbaramente uccisi entrambi, nello studio del legale di Salerno.

Avevano entrambi cinquantun anni. Pino Grimaldi era divenuto l’ombra dell’avvocato Gassani, per non lasciarlo solo nel pericolo, anche in quanto amico di famiglia e videro la morte assieme, per mano di due emissari della camorra.

Occorre dunque rimarcare che la società non dimentica i suoi martiri ed appare davvero un bel gesto quello dell’Amministrazione comunale di Giffoni Sei Casali che, in tempi brevissimi, ha voluto rendere omaggio al ricordo dello sfortunato e coraggioso concittadino.

Come Giorgio Ambrosoli, cui è dedicata l’Associazione salernitana, anche Pino Grimaldi merita il ricordo costante e l’attenzione di quanti conoscono il loro sacrificio: “Chi per la patria muor, vissuto è assai”.

Share.

About Author

Leave A Reply