Il Sabato delle Idee, l’edizione 2010 a Napoli, “Le Utopie Possibili”

sabato delle idee

sabato delle idee

30 Gennaio – 26 Giugno 2010 – Appuntamento inaugurale Sabato 30 Gennaio ore 10:30. Università Suor Orsola Benincasa – Aula Magna – Corso Vittorio Emanuele 292, Napoli.

 

E’ fissato per Sabato 30 Gennaio alle ore 10:30 presso l’aula magna dell’Università Suor Orsola Benincasa (Corso Vittorio Emanuele 292, Napoli) l’appuntamento inaugurale dell’edizione 2010 de “Il Sabato delle Idee” che sarà dedicata al tema “Napoli – Le Utopie possibili”. Tema specifico del primo incontro sarà “Napoli, la città del lavoro”. Saranno presenti Renato Brunetta, Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione, Carlo Borgomeo, Presidente della Fondazione per il Sud, Giorgio Fiore, Presidente di Confindustria Campania ed Enzo Giustino, Presidente del Banco Napoli. L’incontro sarà moderato da Massimo Milone, Caporedattore del Tgr Campania.

L’edizione 2010 de “Il Sabato delle Idee” si svolgerà da Gennaio a Giugno ogni ultimo sabato del mese presso le sedi delle sei istituzioni promotrici della manifestazione: la Fondazione SDN, l’Università degli Studi di Napoli Suor Orsola Benincasa, il Pan – Palazzo delle Arti di Napoli, l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici , la Fondazione Idis – Città della Scienza ed il Conservatorio di Musica San Pietro a Majella.

I nuovi partner istituzionali

“Una delle grandi novità di questa seconda edizione del Sabato delle Idee – ha spiegato Marco Salvatore – è rappresentata proprio dall’ampliamento del numero delle istituzioni promotrici. L’anno scorso siamo partiti in tre (Fondazione Sdn, Università Suor Orsola Benincasa e Pan – Palazzo delle Arti di Napoli) e ci eravamo posti tra gli obiettivi principali quello di riuscire ad aggregare in questi nuovi spazi di discussione e di proposta un numero sempre maggiore di protagonisti della vita sociale, civile e culturale della città. La presenza di quest’anno di altri tre luoghi simbolo dell’eccellenza culturale e scientifica della nostra città è, dunque, un motivo di grande soddisfazione ed aggiunge sempre più forza ed autorevolezza non solo al nostro progetto, ma anche e soprattutto alle idee ed alle proposte che ne verranno fuori anche quest’anno”.

Le idee dell’edizione 2009

“Ed è stata proprio la grande produttività di idee nuove che ha caratterizzato gli incontri della prima edizione – ha evidenziato Francesco De Sanctis – a sollecitarci ad un impegno ancora più forte nella programmazione della nuova edizione, ma soprattutto nella realizzazione delle idee che sono state lanciate negli incontri dello scorso anno. E non a caso mercoledì 27 Gennaio alle ore 15:30 al Suor Orsola, come preludio all’inaugurazione del Sabato delle Idee 2010, fissata per il 30 Gennaio, ci sarà l’incontro inaugurale della Casa della Letteratura, che è un progetto nato lo scorso Marzo nell’incontro del Sabato delle Idee 2009 dedicato allo spazio letterario.

Così come non è un caso che abbiamo scelto di dedicare l’incontro del 27 Marzo 2010 al tema “Napoli – La città dei diritti” raccogliendo l’idea lanciata da Stefano Rodotà

proprio in uno degli incontri della passata edizione. E sono lieto di poter anticipare che a Febbraio si concretizzerà anche la prima idea lanciata nell’incontro inaugurale del Sabato delle Idee 2009, perché prenderà il via il Laboratorio di Fotografia per i ragazzi delle scuole di Napoli Est, che oltre ad essere un momento formativo di grande importanza darà anche un’opportunità di lavoro concreta e retribuita agli studenti che risulteranno più meritevoli”.

Il confronto con la politica

“Un’altra grande novità dell’edizione di quest’anno – ha sottolineato Marco Salvatore – è stata la scelta di ospitare ad ogni incontro, oltre ad alcuni tra i più illustri protagonisti della vita culturale, sociale ed economica del paese, anche un esponente di grande rilievo della classe politica di governo, come accadrà sin dal primo incontro con la presenza del Ministro Brunetta. Una scelta che abbiamo effettuato proprio per far sì che le tante idee nuove, che ci auguriamo possano venire fuori anche in questa seconda edizione, possano immediatamente essere raccolte da chi, poi, ha anche gli strumenti più adeguati per garantirne una pronta attuazione, proprio perché, sin dalla sua nascita, l’obiettivo fondante del Sabato delle Idee è stato quello di non essere un momento di mera discussione fine a se stessa, che è un’arte improduttiva molto spesso, a buona ragione, attribuita agli intellettuali della nostra città, ma di rendere il più possibile produttivi e propositivi questi momenti di incontro tra le diverse anime e le diverse professionalità della società civile napoletana e nazionale”.

Il Sabato delle Idee in Tv

“Per altro in questa nuova edizione – ha ricordato Marco Salvatore, – con il lancio del talk show televisivo settimanale e la creazione di una pagina specifica su Facebook abbiamo cercato di ampliare ancor di più gli spazi di discussione e di confronto anche per chi magari non sempre è fisicamente presente in città”.

“Napoli, le Utopie possibili” è il tema dell’edizione 2010

L’edizione 2010 de “Il Sabato delle Idee” sarà dedicata al tema “Napoli, le Utopie possibili”, ossia la sfida della speranza civile, con l’obiettivo di ritrovare, nelle radici storiche, artistiche e culturali della città le ragioni e le idee per un futuro aperto a nuove possibilità.

I temi specifici dei sei incontri consentiranno di ragionare di Mezzogiorno con un’agenda concreta di priorità (legalità, lavoro, innovazione e produttività) ma che non perda di vista il buco nero più vistoso: la degenerazione del “legame sociale”, cardine di una società che unisca soggetti ed interessi diversi al servizio del bene comune.

I relatori

Hanno già dato la propria adesione : Renato Brunetta, Roberto Maroni, Gianfranco Fini, Edgar Morin, Carlo Borgomeo, Giorgio Fiore, Ernesto Galli della Loggia, Enzo Giustino, Raffaele Marino e Salvatore Nastasi.

Sono stati invitati a partecipare: Sandro Bondi, Giulio Tremonti, Francesco Amirante, Emma Marcegaglia, Umberto Eco, Giuseppe Galasso, Riccardo Muti e Toni Servillo.

Le sei istituzioni promotrici in Mostra

In ognuno dei sei incontri in programma al termine dello spazio di discussione ogni istituzione ospitante organizzerà una mostra del proprio patrimonio artistico, scientifico e culturale e delle proprie attività specificamente rivolte alla partecipazione cittadina ed alla crescita sociale e culturale della città.

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>