Da oggi Morigerati entra ufficialmente nel Network Bandiera Arancione

0
Una Chiesa di Morigerati

Una Chiesa di Morigerati

Per tre settimane undici bellissime foto sulla home page del sito Bandiere Arancioni.it.

Da questo week end Morigerati Paese Albergo è ufficialmente un borgo Bandiera Arancione del Touring Club.

L’ingresso ufficiale tra le “località eccellenti dell’entroterra” è sancita dalla presenza sulla home page del sito www.bandierearancioni.it. Undici bellissime foto di Enzo Signorelli, raccontano la straordinaria posizione tra il Parco del Cilento e il Golfo di Policastro del comune della provincia di Salerno che ospita i turisti nelle case di pietra del centro storico e nei casali della frazione Sicilì.

Grande soddisfazione ha espresso il sindaco Cono D’Elia, che da anni lavora al progetto paese albergo, con tenacia e profondissima convinzione: “Il turismo ecosostenibile, unito allo sviluppo dell’enogastronomia di qualità è l’unico futuro possibile per le nostre località – ha detto – La bellezza dei luoghi ci impone di non sprecarla con la pigrizia mentale e l’indifferenza. L’esperienza di Morigerati deve rappresentare il modello per lo sviluppo di tutta l’area e il riconoscimento del Touring Club ci riempie di orgoglio”.

La Bandiera Arancione è il marchio di qualità turistico-ambientale destinato alle località dell’entroterra e viene attribuito ai territori che soddisfano criteri di analisi connessi allo sviluppo di un turismo di qualità. La valorizzazione del patrimonio culturale, la tutela dell’ambiente, la cultura dell’ospitalità, l’accesso e la fruibilità delle risorse, la qualità della ricettività, della ristorazione e dei prodotti tipici sono gli elementi chiave dell’iniziativa.

Sindaco di Morigerati Cono D'Elia

Sindaco di Morigerati Cono D'Elia

Touring Club Italia seleziona e certifica dal punto di vista del viaggiatore e della sua esperienza di visita e assegna il marchio alle località che non solo godono di un patrimonio storico, culturale e ambientale di pregio, ma che sanno offrire al turista un’accoglienza di qualità.

Dal Castello baronale, al fiume Bussento e alle piccole luci di Sicilì, dalla Ferriera sul Rio Casaletto, al ponte romano, alla croce della Madonna dei Martiri, la pietra grande all’ingresso del paese, fino alla piazza San Rocco e l’oasi Wwf con le grotte del Bussento, le undici foto incantano i visitatori del sito. Una mappa, una presentazione e le info, completano la pagina.

Sulla stessa home page, per tre settimane, saranno presenti anche i comuni di Tignale (Brescia), Trequanda (Siena), Orsara di Puglia (Foggia), Toirano (Savona), Montecassiano (Macerata), Oliena (Nuoro).

In Campania esistono altri due comuni Bandiera arancione e si trovano tutti e due in  provincia di Benevento. Si tratta di Cerreto Sannita e Sant’Agata de’ Goti.

Ecco la presentazione sulla home page di Bandiere Arancioni.

Morigerati è un piccolo borgo medievale la cui origine viene fatta risalire a un insediamento di monaci basiliani che, per sfuggire alle persecuzioni in Grecia, si rifugiarono nell’Italia meridionale alla ricerca di luoghi tranquilli e adatti alla contemplazione. Il paese sorge all’interno del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano e nell’oasi WWF “Grotte del Bussento”: 600 ettari circa di area protetta. L’intera area offre uno degli spettacoli più belli e di maggior richiamo della zona, attraverso passeggiate, escursioni, itinerari in mezzo alla natura.
Da non perdere: il percorso guidato alla Grotta all’interno dell’oasi WWF: all’ingresso uno spettacolare portale alto 20 metri, una scala scavata nel calcare e un ponte di legno sul fiume che scaturisce dalla roccia sottostante. Il museo Etnografico regionale, che espone oggetti, fotografie, filmati e registrazioni sonore della cultura del territorio della Valle del Bussento; salumi tradizionalifreselle (pane biscottato da bagnare con acqua e condire con olio d’oliva, pomodoro e origano), olio extravergine d’oliva DOP e Fico bianco del Cilento DOP.

La località è immersa in un contesto ambientale di grande pregio (Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano) con un’oasi WWF di circa 600 ettari di estensione. Il punto informativo (centro visite) è ben fruibile e ben segnalato, così come anche il sito web promuove adeguatamente il territorio come “paese albergo”. Efficiente è inoltre la segnaletica di indicazione per gli attrattori ambientali e storico-culturali.

Share.

Leave A Reply