La Salernitana mostra i muscoli all’Entella e conquista tre punti “pesanti”

0
Minala a centrocampo

Minala a centrocampo

Gara muscolare della Salernitana a Chiavari, sulla falsariga di quella giocata a Benevento, che ha consentito ai granata di portare a casa tre preziosi punti in classifica.

I 39 punti attuali consentono ai calciatori allenati da Bollini di stare tranquilli, senza l’assillo della zona play out alle spalle.

Nelle prossime partite, inoltre, la Salernitana potrebbe anche tentare un clamoroso avvicinamento alla zona play off se riuscisse a dare continuità alle ultime due vittorie consecutive.

Il prossimo avversario che affronterà all’Arechi è l’Ascoli, compagine che ha un solo punto in classifica in meno. Match non facile che dovrà essere affrontato con la massima concentrazione e determinazione.

Sul sintetico di Chiavari, i granata sono scesi in campo ancora una volta col modulo 4-3-3, questa volta con due esterni alti molto adatti al ruolo per velocità e per capacità tattiche.

Coda, in forte crescita, è stato il punto di riferimento offensivo, riuscendo a far salire la squadra, dare profondità al gioco e creare seri pericoli alla retroguardia avversaria.

Odjer a centrocampo

Odjer a centrocampo

Odjer e Minala hanno corso tanto, erigendo un muro davanti alla difesa, con Zito più propenso a costruire il gioco rispetto ai due compagni di reparto.

Quest’ultimo, però, al 23° del secondo tempo ha pagato dazio alla sua irruenza facendosi espellere e lasciando i compagni in inferiorità numerica.

I due centrali difensivi, Tuia e Bernardini, sono stati sontuosi. Precisi, decisi e puntuali nella zona di loro competenza.

I due esterni bassi, Perico e Vitale, hanno dato fondo al loro mestiere ed alle loro prerogative migliori, ben coadiuvando il resto della squadra.

Gomis, come al solito, si è fatto trovare pronto all’occorrenza, dimostrando di essere sempre attento, reattivo ed efficace tra i pali ed anche in qualche uscita.

Sia nel primo tempo, sia nella ripresa, la squadra ospite ha avuto le migliori occasioni da gol. Almeno 3 nel primo tempo, con Coda ed Improta, altre 3 anche nel secondo tempo con Sprocati, Coda e Ronaldo.

azione offensiva della salernitana con improta

azione offensiva della salernitana con improta

La Virtus Entella, nei primi 30 minuti del match ha subito la maggiore verve degli avversari e non è stata capace di imporre il suo gioco.

Nonostante questo la squadra allenata da Breda è riuscita ad andare a rete per due volte con Caputo, ma in entrambi i casi i gol sono stati annullati, il primo per off side, il secondo perché la palla aveva varcato la linea laterale prima del cross. Le immagini hanno confermato la bontà delle decisioni arbitrali.

Nel secondo tempo la squadra ligure è scesa in campo più determinata ed ha spinto molto sull’acceleratore. In almeno due circostanze Gomis ha dovuto dare fondo a tutte le sue qualità per impedire che la sua porta fosse violata.

Nonostante l’inferiorità numerica, per buona parte del secondo tempo, la squadra di Bollini è riuscita a stringere i denti ed a difendersi anche con un certo ordine tattico.

Tutto sommato la vittoria è meritata, anche se il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto.

Virtus Entella – Salernitana 0 – 1

Rete: 34′ pt Coda.

Virtus Entella: Iacobucci, Belli, Troiano, Caputo, Catellani (38′ st Diaw), Palermo (16′ st Tremolada), Benedetti, Pellizzer, Baraye, Ammari (38′ st Sini), Moscati. All.: R. Breda.

A disposizione: Paroni, Filippini, Pecorini, Di Paola, Ba, Mota Carvalho.

Salernitana: Gomis, Vitale, Bernardini, Coda, Tuia, Minala, Improta (44′ st João Silva) , Odjer (32′ st Bittante), Zito, Perico, Sprocati (22′ st Ronaldo). All.: A. Bollini.

A disposizione: Terracciano, Schiavi, Rosina, Donnarumma, Della Rocca, Luiz Felipe.

Arbitro: Riccardo Pinzani di Empoli.
Assistenti: Luigi Lanotte (sez. Barletta) – Michele Grossi (sez. Frosinone).
IV uomo: Nicolò Cipriani (sez. Empoli).

Ammoniti: Sini (VE), Zito, Minala, Odjer, Improta (S).

Espulso: 23′ st Zito (S).

Angoli: 8 – 7

Recupero: 5′ st.

Share.

Leave A Reply