La Salernitana, priva di idee e senza gioco, affonda a Trapani. E’ crisi?

0
Gomis in uscita

Gomis in uscita

La Salernitana dopo la vittoria di Vicenza, che ha dato ossigeno alla asfittica classifica granata, ed il pareggio interno col Cesena, gara che non ha visto certo brillare il gioco della squadra di Bollini, è scesa in campo a Trapani alla ricerca di continuità di risultati.

Non c’è riuscita sia perché ha giocato una gara al di sotto delle sue possibilità, tecnicamente e atleticamente, sia perché di fronte ha avuto un avversario forte e che non merita la classifica attuale.

Dopo la gara odierna appare evidente come i 10 punti di distacco che separavano le due squadre in classifica erano ingiustificati.

Salernitana in campo col 3-5-2 con Rosina in panchina e Donnarumma in campo dal primo minuto.

Prima frazione di gioco appannaggio del Trapani. La squadra siciliana è stata pericolosa in 4 circostanze prima del gol realizzato al 39° minuto.

La squadra allenata da Calori ha sfruttato bene i calci piazzati. Pericolosissima su due punizioni con Barillà, che ha costretto Gomis ad un grande intervento, e Colombatto, a rete su calcio d’angolo con Baracchi.

Ma anche su azione i siciliani sono riusciti in un paio di circostanze a mettere in pericolo l’incolumità della porta difesa da Gomis, in particolare al 23° con Manconi, solo davanti a Gomis che gli ha parato la conclusione a rete in due tempi.

Coda in attacco

Coda in attacco

La Salernitana ha tirato in porta due volte, dalla distanza, con Coda al 17° e Donnarumma al 42°, con parate abbastanza impegnative del portiere del Trapani. Poi un paio di tentativi dei due attaccanti, chiusi dai difensori avversari.

La manovra dei calciatori allenati da Bollini è apparsa asfittica a centrocampo. Ronaldo non ha di certo illuminato il gioco. Lento e poco incisivo. Sulle fasce Bittante e Vitale hanno avuto difficoltà a proporsi anche perché serviti raramente e non in profondità.

Troppo poco per sperare di chiudere il primo tempo sul risultato di parità. Il vantaggio del Trapani fino al 45° è da considerare meritato.

Nel secondo tempo Bollini ha sostituito lo spento Ronaldo con il calciatore di maggior classe in organico, Rosina con passaggio al modulo 3-4-1-2. Scelta condivisibile, ma che a causa della prestazione poco incisiva del nuovo entrato non ha sortito effetto alcuno.

Al 2° minuto il Trapani si è reso ancora pericoloso con un inserimento in area di Jallow che ha tirato dall’area piccola impegnando in un difficile intervento Gomis. Al 10° ancora pericoloso il Trapani. Jallow ha la palla buona dal limite dell’area ma il suo tiro è deviato in corner da Schiavi

azione di Rosina

azione di Rosina

Al 12° finalmente la Salernitana esce fuori dal guscio e su assist di Busellato, Rosina gira a rete un rasoterra insidioso parato a terra dal portiere siciliano.

Al 19° Sinistro insidioso dalla grande distanza di Colombatto, parato non senza difficoltà da Gomis. Al 20° Azione gol. Coronado fa slalom in area, supera due difensori, poi tira alto sulla traversa da favorevolissima posizione

21° Ancora Trapani pericoloso. Jallow fa quello che vuole in area e serve un assist al centro per un compagno. Gomis devia con la punta delle dita ed evita il grosso pericolo

23° Occasione gol per la Salernitana. Vitale su un batti e ribatti ed uscita sbagliata di Pigliacelli tira alto sulla traversa sprecando una grande occasione da rete. Al 26° altro pericolo per la porta del Trapani. Coda avvia l’azione con lancio per Vitale che crossa al centro area e ancora Coda di testa tira a rete ma il portiere siciliano è pronto a parare

Al 30° Salernitana con difesa a 4, esce Schiavi, entra Joao Silva. Trazione anteriore con tre attaccanti puri e Rosina. Il modulo sembra essere un 4-2-3-1 molto offensivo. Poi al 35° esce lo stanco Donnarumma, entra Improta.

Minala a centrocampo

Minala a centrocampo

Al 34° pericoloso Pagliarulo di testa su corner. La Salernitana non c’è più in campo. Il Trapani si limita ad amministrare incontrastato il prezioso gol di vantaggio.

La gara è terminata con una meritata sconfitta per la truppa granata, in evidente calo psicofisico e con una pericolosa involuzione di gioco.

probabilmente gli interventi tecnici per rinforzare l’organico operati dalla Società granata a Gennaio non sono stati sufficienti.

Sembra mancare qualità a centrocampo e solidità in difesa. Non sono arrivati calciatori col tasso tecnico adeguato alle difficoltà della categoria.

La Salernitana, probabilmente, ha le carte in regola per salvarsi dalla retrocessione anche quest’anno, ma, secondo noi, non potrà ambire a traguardi più ambiziosi.

Nel prossimo turno la squadra granata dovrà affrontare all’Arechi un’altra squadra molto in forma, la pericolosa Spal. La truppa di Bollini è chiamata ad una reazione d’orgoglio e ad una prestazione di carattere per evitare di sprofondare nelle sabbie mobili della classifica.

TRAPANI – SALERNITANA 1-0

TRAPANI (4-3-1-2): Pigliacelli; Fazio, Pagliarulo, Legittimo, Rizzato; Maracchi, Colombatto, Coronado (24′ st Nizzetto); Barillà (42′ st Raffaello); Jallow (27′ st Curiale), Manconi. A disposizione: Guerrieri, Cason, Kresic, Canotto, Visconti, Ciaramitaro. Allenatore: Alessandro Calori

SALERNITANA (3-5-2): Gomis; Perico, Schiavi (30′ st Joao Pedro), Mantovani; Bittante, Minala, Ronaldo (1′ st Rosina), Busellato, Vitale; Coda, Donnarumma (35′ st Improta). A disposizione: Terracciano, Luiz Felipe, Odjer, Zito, Grillo, Sprocati. Allenatore: Alberto Bollini

Arbitro: Gianluca Aureliano di Bologna.
Assistenti: Stefano Bellutti (sez. Trento) – Paolo Formato (sez. Benevento).

IV uomo: Andrea Capone (sez. Palermo).

Reti: 40′ pt Maracchi

Note: Ammoniti: Schiavi, Fazio, Curiale

Calci d’angolo: Trapani: 4 – Salernitana: 2

Recupero: 0′ pt – 4′ st

Spettatori: 4814

Share.

Leave A Reply