Ricominciamo dalla Bellezza: diamo la parola ai giovani!

0

 

#rigeneriamoci

#rigeneriamoci

Riscoprire la bellezza del territorio attraverso lo sguardo dei giovani per un processo di rigenerazione urbana sostenibile

Legambiente presenta risultati dell’indagini statistica sulla percezione del fenomeno dell’illegalità e l’atteggiamento dei giovani nei confronti dell’ambiente nella città di Salerno

Giovedì 16 febbraio ore 10,30

Liceo Scientifico Alfano I – Via dei Mille- Pastena Salerno

Si conclude il progetto “Ricominciamo dalla Bellezza: diamo la parola ai giovani!”, promosso dal Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri e realizzato da Legambiente Campania.

Giovedì 16 febbraio ore 10,30 presso il Liceo Scientifico Alfano I (Via dei Mille, Pastena) a Salerno Legambiente presenta i risultati dell’indagine statistica sulla percezione del fenomeno dell’illegalità e l’atteggiamento dei giovani sull’ambiente nella città di Salerno. Saranno presenti Mariateresa Imparato, segreteria regionale Legambiente; Rosario D’Angelo, sociologo; Riccardo Cristian Falcone, Libera Salerno e Elisabetta Barone, dirigente scolastica dell’Alfano I.

Riscoprire la bellezza del territorio attraverso lo sguardo dei giovani per un processo di rigenerazione urbana sostenibile si è posto come principale obiettivo quello di impegnare i giovani nella promozione e nella pratica della cultura della legalità e della bellezza nell’ambito del territorio regionale campano, attraverso l’approccio della ricerca/azione, in modo da integrare le conoscenze acquisite a livello teorico con la sperimentazione pratica dei possibili cambiamenti migliorativi. Il processo di coinvolgimento dei giovani è passato attraverso la scoperta o la riscoperta della bellezza del territorio, delle buone pratiche di sostenibilità, del fermento innovativo che anima tanti di loro, per innescare un processo di #rigenerazione del tessuto socio-economico e soprattutto culturale della nostra regione che si sviluppi non “per” i giovani ma “con” i giovani.

Share.

Leave A Reply